image

I controlli…non sono mai troppi!

Oggi sono andato a fare una pescatina veloce all’ idrovia a Padova, posto molto pescoso ma anche molto mal frequentato, soprattutto di notte a quanto si dice, dove sono frequenti incontri con stranieri che fanno razzia di pesci e lasciano gli spot in modo indecente. Spesso capita anche di ricevere qualche bel regalino sulle macchine….Fatto sta che arrivo e trovo due guardiapesca Fips, che controllavano un gruppo di giovanotti col barbecue acceso, musica a palla e canne in acqua. Nessuna multa, probabilmente  avevano la licenza, ma perlomeno li hanno obbligati a pulire il posto. Rispetto all’ultima volta gli spot erano comunque più puliti e c’erano degli appositi sacchi per la raccolta dei rifiuti.

image

Ho avuto modo di fare due chiacchiere con loro chiedendo se potevano far presente la cosa è intensificare i controlli soprattutto di notte. La risposta è stato un sorriso che io ho interpretato come “sappiamo bene la situazione…ma non possiamo fare nulla”. Beh da persona con licenza e tessera Fips – che si paga non poco – non dovrei nemmeno chiederle certe cose, i controlli dovrebbe essere automatici, tanto é quasi sicuro di beccare qualcuno in reato. E all’occasione multa e confisca dei mezzi di pesca. La Fips dovrebbe garantire tutti i tesserati non solo quelli che frequentano i campi gara. Mi piacerebbe ci fosse un impegno maggiore anche da parte della Regione con delle leggi apposite e fondi stanziati per aumentare i controlli.

Sono  fiducioso e spero cambino le cose e in fretta, altrimenti resterà ben poco da lasciare ai nostri figli.

image

Un bel carassio preso oggi, a ledgering con bigattini, canna Tubertini CarpDream, mulinello Okuma Trio BF