image

Orate a Jesolo

Ed eccomi alla prima esperianza di pesca dalla spiaggia, in particolare dai pontili di Jesolo. Sveglia puntata alle 6: dopo una veloce colazione, sono furtivamente uscito di casa facendo attenzione a non svegliare moglie e figlio, e canna in spalla ho attraversato via Bafile per posizionarmi velocemente sui pontili in spiaggia.

image     image

Un’attrezzatura abbastanza improvvisata: una canna portata da casa – non propriamente da beatchledgering – montata con filo dello 0.20 e classico finale da orata, ovvero

  • piombo a goccia da 40-50g
  • moschettone con salvanodo
  • teminale in fluorocarbon da circa 2 metri
  • amo del 2 della Gamagatsu (quelli con 2 ardiglioni anche sul gambo, per intenderci).
Filale beach ledgering

Come esca ho utilizzato esclusivamente il verme coreano, che sebbene non sia molto selettivo in termini di taglia, per chi si avvicina a questo tipo di pesca può davvero fare la differenza, in quanto può regalare molte catture.

Poi la cosa bella è stato ascoltare e mettere in pratica i consigli dei pescatori del luogo: ad esempio, una cosa che ho trovato molto utile, è quella di non lasciare mai molto tempo l’esca ferma in in acqua. Regolarmente, diciamo ogni due tre minuti, se non si vedono toccate, trascinare per circa 4/5 metri il filo in modo che il piombo sul fondo sollevi la sabbia e attiri i grufolatori. Vi assicuro che ogni volta che ho provato, nel giro di 5-6 secondi c’era l’abboccata.

Ecco le mie prime orate!!

image